Home | Site map | Contatti  
PENSIERI, PAROLE, STATI D'ANIMO.
Il nuovo libro di Claudio Maffei.
Home Page Claudio Maffei Comuniconline.it Staicomevuoi.it
  Sei in: Home

Relazioni Virtuose


CATEGORIE
 
Generale [ 331 ]


ULTIMI BLOG
 
 




yyARCHIVIO BLOG
 
Archivio completo
 


CERCA
 


ULTIMI COMMENTI
 
Un commento lucido
di : claudio maffei
Un commento lucido
di : Davide De Fabritiis
Diverso da chi
di : iris
Bella la vita!
di : Iris


15 Set 2010
Versione stampabile  | 
FaceBook pratica la censura?
Riceviamo e volentieri pubblichiamo

L’Art Directors Club Italiano vuole portare all’attenzione della Stampa un episodio di grave censura accaduto nei giorni scorsi e che riguarda direttamente il Past President ADCI (e Hall of Fame) Pasquale Barbella.

Da quasi un anno, Pasquale Barbella aveva dato vita a una interessantissima “pagina” sul social network FaceBook, dal nome ADVERTOWN, alla quale avevano aderito centinaia di professionisti della comunicazione, studenti, intellettuali, giornalisti, amici e curiosi. I contenuti, caricati sia dall’autore che dagli iscritti, riguardavano soprattutto campagne pubblicitarie famose, un archivio che è andato crescendo diventanto una vera biblioteca storica della Comunicazione e un luogo di cultura unico.

Nei giorni scorsi, a seguito di una sola e generica segnalazione da parte di un utente di FaceBook – non motivata da argomenti circostanziati – la pagina è stata rimossa e con essa tutto il suo patrimonio di memoria, commenti, scambio di idee e informazioni sulla storia della pubblicità.

Gli scopi statutari della nostra associazione sono quelli di migliorare gli standard della creatività nel campo della comunicazione e delle discipline ad essa collegate, nonché di promuovere la consapevolezza dell'importanza di questi standard all'interno della comunità aziendale, istituzionale e del pubblico in genere, in Italia e all'estero. Proprio per questo, riteniamo che l’opera svolta da Pasquale Barbella e dagli utenti e collaboratori di ADVERTOWN sia meritoria e perfettamente allineata ai nostri obiettivi. Pertanto l’ADCI intende sollevare il problema e portarlo all’attenzione dell’opinione pubblica, perché oramai troppi sono i dettagli di questi episodi che lasciano pensare a una deriva di stampo oscurantista da parte di chi gestisce questi nuovi strumenti di interazione, scambio o più precisamente “libera conversazione” tra le persone.

È infatti di dominio pubblico che altri inspiegabili episodi come questo sono accaduti sul più popolare social network attualmente esistente e che “normalmente” FaceBook applica degli automatismi che lasciano perlomeno perplessi.

Alla luce anche di questi altri episodi abbiamo ritenuto di non poter far finta di nulla, attivandoci attraverso diversi canali affinché questa vicenda sia risolta.

Attendiamo che da FaceBook arrivino al più presto precisazioni e chiarimenti su chi e perché si sia ritenuto danneggiato – chiarimenti richiesti più volte e da più parti, ma finora disattesi – in quanto l’autore si è già reso disponibile a rimuovere quei contenuti (finora mai precisati) che danneggerebbero qualcuno, ma soprattutto chiediamo che ADVERTOWN sia al più presto riattivata.



Marco Cremona – Presidente Art Directors Club Italiano
 
Generale
postato da  Claudio Maffei alle  11:48 | commenti presenti [0]


COMMENTO BLOG


AGGIUNGI COMMENTO
(*) campi obbligatori
autore (*) :
indirizzo email :
url :
 
  grassetto corsivo sottolineato inserisci link inserisci collegamento email centra elenco non ordinato elenco ordinato inserisci immagine testo quotato emoticon smile
 
commento (*) :

html code

ubb code

caratteri massimi : 1000

+
- +
-
caratteri rimanenti :
Ricordati di me :
Codice di verifica:

Per inserire il commento devi digitare le lettere e numeri riportati nell'immagine, rispettando i caratteri maiuscoli/minuscoli.
 
 
 


 Stampa questa pagina
 
 © Comuniconline.it - Web Project Graffiti 2000