Home | Site map | Contatti  
PENSIERI, PAROLE, STATI D'ANIMO.
Il nuovo libro di Claudio Maffei.
Home Page Claudio Maffei Comuniconline.it Staicomevuoi.it
  Sei in: Home

Relazioni Virtuose


CATEGORIE
 
Generale [ 331 ]


ULTIMI BLOG
 
 




yyARCHIVIO BLOG
 
Archivio completo
 


CERCA
 


ULTIMI COMMENTI
 
Un commento lucido
di : claudio maffei
Un commento lucido
di : Davide De Fabritiis
Diverso da chi
di : iris
Bella la vita!
di : Iris


6 Dic 2010
Versione stampabile  | 
Quel che il Censis non fotografa

Puntuale come la nebbia in Val Padana, è arrivato il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Lo scorso anno ci strabiliava con l’inaudita rivelazione che gli Italiani preferiscono i social network alla lettura dei classici. Da giorni aspettavo trepidante il Rapporto 2010 e ipotizzavo su quali clamorose novità avrebbe svelato. Ed eccolo qui, fondamentale, acuto, pieno di spunti inediti.

Siamo descritti come un Paese appiattito, dall’economia fragile che stenta a ripartire, con un inconscio collettivo sganciato dalle leggi e non più animato dal desiderio. Con cinismo ci viene detto che «anche se ripartisse la marcia dello sviluppo, la nostra società non avrebbe lo spessore adeguato alle sfide che dobbiamo affrontare». Veniamo definiti come «una società pericolosamente segnata dal vuoto», vittime del nichilismo dell’indifferenza generalizzata.

Senza bisogno di analisi statistiche, io avrei aggiunto alla fotografia italica appariscenza e inefficienza, diffidenza e incoscienza, prepotenza e incoerenza, ignoranza e arroganza, viltà e meschinità, assistenzialismo e assenteismo, consumismo e post-comunismo, vittimismo e lassismo, individualismo e parassitismo. Insomma, tutto il rimario della decadenza.

Ci hanno fotografati, senza chiederci di metterci in posa. Non hanno usato alcun marchingegno per correggere le rughe. Quelle che ci deturpano il volto in misura maggiore rispetto allo scorso anno. Ci consoliamo nel vedere che i parenti sono invecchiati più di noi. Ma nessuno ci dice perché risultiamo, chi più chi meno, così sgraziati all’occhio dell’analisi. Privati dell’indagine sulle cause, è ancora più arduo immaginare soluzioni per risollevarci dal disfacimento che tende alla necrosi. E se tutto il tragico quadretto viene imputato al calo del desiderio, si può reclamare che qualcuno ci prescriva la dose di Viagra necessaria alla cura. Ma, per ora, nessuno risponde.

Al Censis e a tutto il sociologiume del piagnisteo chiederei di spostare lo sguardo su altre, più potenti fotografie. Forse meno nitide, ma ugualmente reali. Avremmo potuto percepire atti d’amore, sogni inespressi, lacrime di gioia, parole sussurrate, lampi d’intelligenza, sguardi d’intesa. La vita che non riesce a tradursi in numeri è più esplosiva delle brutture che rapporti e media continuano a rovesciarci addosso.
Basta. Torno a fare l’albero di Natale con chi amo. Alla faccia del Censis.
Mina-La Stampa di ieri.
Grande Mina!!! Condivido in pieno.

 
Generale
postato da  Claudio Maffei alle  15:04 | commenti presenti [0]


COMMENTO BLOG


AGGIUNGI COMMENTO
(*) campi obbligatori
autore (*) :
indirizzo email :
url :
 
  grassetto corsivo sottolineato inserisci link inserisci collegamento email centra elenco non ordinato elenco ordinato inserisci immagine testo quotato emoticon smile
 
commento (*) :

html code

ubb code

caratteri massimi : 1000

+
- +
-
caratteri rimanenti :
Ricordati di me :
Codice di verifica:

Per inserire il commento devi digitare le lettere e numeri riportati nell'immagine, rispettando i caratteri maiuscoli/minuscoli.
 
 
 


 Stampa questa pagina
 
 © Comuniconline.it - Web Project Graffiti 2000