Home | Site map | Contatti  
PENSIERI, PAROLE, STATI D'ANIMO.
Il nuovo libro di Claudio Maffei.
Home Page Claudio Maffei Comuniconline.it Staicomevuoi.it
  Sei in: Home

Relazioni Virtuose


CATEGORIE
 
Generale [ 331 ]


ULTIMI BLOG
 
 




yyARCHIVIO BLOG
 
Archivio completo
 


CERCA
 


ULTIMI COMMENTI
 
Un commento lucido
di : claudio maffei
Un commento lucido
di : Davide De Fabritiis
Diverso da chi
di : iris
Bella la vita!
di : Iris


6 Nov 2012
Versione stampabile  | 
Ridere è una cosa seria
“Risus abundat in ore stultorum:” il riso abbonda sulla bocca
degli stupidi, dicevano sempre i miei genitori e... a me... veniva
tanto da ridere!
Ho sempre riso molto, a scuola, con gli amici, nel lavoro. Per
un po’ ho anche fatto l’autore per il cabaret e ho pensato di poter
campare così.
Poi, preso per fame, ho cominciato a fare il consulente e il formatore.
Ho cercato di trattenermi un po’, ma senza successo.
Cosa vi devo dire? Mi veniva da ridere!
Una buona battuta di spirito è, per me, talmente importante da
non riuscire a trattenerla, a costo di perdere un’amicizia e perfino
un lavoro.
Il ridere è un segno di trasgressione, di disobbedienza.
S m i t i z z a re, sovvertire le regole, dubitare di tutto ciò che è
ovvio, serve da valvola di sicurezza per non pre n d e re nulla e
soprattutto se stessi troppo seriamente.
Un autore americano, Og Mandino, ha scritto: “Non dovrò
d i v e n i re mai tanto importante, tanto saggio, tanto austero, tanto
potente da dimenticare di ridere di me stesso e del mondo. In
questo voglio rimanere per sempre bambino”.
In effetti, io ero così anche da piccolo. Ho sempre cercato di
far ridere tutti. Per tutti gli anni della scuola ho avuto otto in condotta,
ma qualche pro f e s s o re mi ha confessato, in privato, di
divertirsi come un matto con le mie invenzioni.
Totò e Oliver Hardy sono stati, fin dall’infanzia, i miei attori preferiti.
Cos’avranno mai avuto in comune? Forse la gestione del corpo, la
fisicità. Erano così diversi! Eppure, nei loro film, ogni movimento
era perfetto. Le mani, i piedi, le facce, erano talmente duttili da
sembrare di gomma. Potrei rivedere centinaia di volte “Fra diavolo”
o “Totò, Peppino e a malafemmina” e ogni volta divertirmi e
ridere di gusto.
Ma Totò era inimitabile. Infatti, oltre a snodarsi come un burattino,
era maestro nel gioco di parole: “Signori si nasce e io lo nacqui”,
“Una volta tandem”, “Tu prode! No, a me non mi prode!”,
“Sei edotto? Sì, fanno quattordici”, “Parli come badi”, “Ogni limite
ha una pazienza”, e si potrebbe andare avanti all’infinito.
Ma il mio parrucchiere non è da meno, anche se lo fa in modo
involontario: “Mia figlia vive in una villetta a scheda”, “È stata in
vacanza a Milano Sabbia d’Oro”, “Catilina era la moglie di
C i c e rone”, o addirittura “I figli di Adamo ed Eva erano Caino e
Adele!”.
Sono solo quelle che mi ricordo. Purtroppo non ho il coraggio
di andare con un blocchetto e scrivermele; faccio già abbastanza
fatica a stare serio.
Per fortuna oggi le cose stanno cambiando. E’ infatti scientificamente dimostrato che la maggior parte dei nostri guai di salute (fisica, ma anche psicologica, emotiva, relazionale) sono attribuibili al fatto che prendiamo le cose in maniera drammatica e poco costruttiva. Insomma, ridere fa bene, sotto tutti i punti di vista. Il problema è che, spesso, sembra non ci sia molto da ridere. E allora? Come possiamo fare?
La risposta è nel Laughter Yoga , o Yoga della Risata, una tecnica semplice e potente che arriva dall’India e che, rapidamente, dal 1995 a oggi, si è diffusa a macchia d’olio in tutto il mondo, Italia compresa.
La mia amica Loretta Bert (www.lorettabert.eu) che, fra l’altro, collabora con il dr.Kataria, il medico indiano che ha ideato questa disciplina, ne è entusiasta. Dice che funziona, in tempi brevissimi, come collante per il team building, per risolvere conflitti sul posto di lavoro, per rinforzare la leadership. Loretta propone alle aziende, piccole e grandi, la “laughing room”, una specie di palestra, flessibile fino a diventare quasi virtuale, che favorisce lo spirito di squadra, la produttività e la creatività. Una risposta ottimista e concreta per attraversare i momenti difficili con equilibrio e con ottime probabilità di successo.
 
Generale
postato da  Claudio Maffei alle  15:23 | commenti presenti [0]


COMMENTO BLOG


AGGIUNGI COMMENTO
(*) campi obbligatori
autore (*) :
indirizzo email :
url :
 
  grassetto corsivo sottolineato inserisci link inserisci collegamento email centra elenco non ordinato elenco ordinato inserisci immagine testo quotato emoticon smile
 
commento (*) :

html code

ubb code

caratteri massimi : 1000

+
- +
-
caratteri rimanenti :
Ricordati di me :
Codice di verifica:

Per inserire il commento devi digitare le lettere e numeri riportati nell'immagine, rispettando i caratteri maiuscoli/minuscoli.
 
 
 


 Stampa questa pagina
 
 © Comuniconline.it - Web Project Graffiti 2000