Home | Site map | Contatti  
PENSIERI, PAROLE, STATI D'ANIMO.
Il nuovo libro di Claudio Maffei.
Home Page Claudio Maffei Comuniconline.it Staicomevuoi.it
  Sei in: Home

Relazioni Virtuose


CATEGORIE
 
Generale [ 331 ]


ULTIMI BLOG
 
 




yyARCHIVIO BLOG
 
Archivio completo
 


CERCA
 


ULTIMI COMMENTI
 
Un commento lucido
di : claudio maffei
Un commento lucido
di : Davide De Fabritiis
Diverso da chi
di : iris
Bella la vita!
di : Iris


20 Feb 2007
Versione stampabile  | 
La giornata della lentezza
Lentamente l’albero
si copre di foglie.
Lentamente matura il vino.
Lentamente si volta la pagina
del libro che si ama.
Le ore si fanno giorni, i giorni anni,
gli anni vita.
La lentezza diventa il segreto
di un mondo nuovo, attento
ai grandi valori.

E se l’arte del vivere con lentezza la facessimo durare tutto l’anno?
Bruno Cortigiani fondatore dell’associazione Vivere con Lentezza ( www.vivereconlentezza.it )
dice “Esiste un’Italia bellissima e spontanea, fatta di piccoli, che vogliono cambiare in meglio, vivere più lenti, forse essere più felici. Un sabato pomeriggio di due anni fa, al bar con amici, ho visto un gruppo di persone camminare tranquillamente lungo il Ticino. Si può fare ovunque, anche se non c’è il Ticino. Da lì, l’idea di rallentare, un bisogno diffuso”.
I manager zen ( www.managerzen.it ) hanno aderito in massa.
Io anche. Chi mi conosce sa che almeno da quindici anni, invito a rallentare.
E voi? Eccovi alcuni consigli:
1. Svegliatevi 5 minuti prima del solito per farvi la barba, truccarvi o fare colazione senza fretta.
2. Se siete in coda nel traffico o al supermercato, evitate di arrabbiarvi. Usate quel tempo per programmare mentalmente la serata o scambiare due chiacchiere con chi vi è vicino.
3. Scrivete sms senza abbreviazioni e magari cominciando con “caro” o “cara”.
4. Quando è possibile evitate di fare cose contemporaneamente: rischiate di diventare imprecisi e approssimativi.
5. Non riempite l’agenda di appuntamenti. Imparate, anzi, a dire qualche no e avere così salutari momenti di vuoto.
6. Fate una camminata soli o in compagnia, invece di incolonnarvi in auto per raggiungere la solita trattoria fuori porta.
7. La sera leggete e non fate continuamente zapping davanti alla tv.
8. Evitate qualche viaggio nei week-end o durante i ponti e gustatevi la vostra città.
9. Se avete 20 giorni di ferie dedicatene 15 alle vacanze e utilizzatene 5 come decompressione pre o post vacanza.
10. Smettere ti ripetere “non ho tempo”: continuare a farlo non vi farà certo sentire più importanti.
La fretta è l’antitesi della velocità. Chi va di fretta non va veloce, se uno invece rallenta e si ferma a pensare, quando deve correre, corre. Il bisogno di fermarsi esiste se è vero che l’unico marchio italiano che si è affermato negli ultimi anni ed è stato esportato con successo è quello di Slow Food ( www.slowfood.it ).

 
Generale
postato da  Claudio Maffei alle  11:22 | commenti presenti [5]


COMMENTO BLOG


postato da   Andrea 21 Feb 2007 alle 12:30

...a me piace pure parlare lentamente, si riesce a usare parole più appropriate e dispiegare meglio ciò che veramente si vuole comunicare all'altra persona.

cari saluti
 




postato da   valeria  [ http://freewriter.wordpress.com ] 22 Feb 2007 alle 12:01
sono salva! ;-)
 




postato da   annalisa 26 Feb 2007 alle 22:49
Caro Claudio,
incontro con piacere questo blog, e farò tesoro delle tue parole,
che già mi trovano concorde

[:)]
 




postato da   Luigi Poderico  [ http://zenartemanutenzionemotocicletta.blogspot.com/ ] 13 Mar 2007 alle 10:48
Come anche prendersi il tempo per approfondire invece che spaziare.
 




postato da   Alberto L. Beretta 15 Mar 2007 alle 22:21
Claudio, ho seguito tutta la trasmissione su RAITRE dove c'era Contigiani, credo poco più di una settimana fa. Sono semnpre stato d'accordo con la Slow Life (Vita Lenta). Circa trent'anni fa, in 'Minimax' piccola raccolta di minimassime alla rinfusa, ho scritto press'appoco la stessa cosa: 'La fretta è la peggior nemica della velocità'. Sono sempre stato, per scelta, anzi, istinto o superinstinto, molto "lento" nelle cose che, se fatte in fretta, svaniscono, si guastano, ti guastano e guastano. Non ho mai mangiato, per esempio, quando mi è capitato anche di far l'operaio, nella mezz'ora classica, andata e ritorno compresi. Non ci sono mai riusciti. Poi mi sdebitavo, recuperavo.
 




AGGIUNGI COMMENTO
(*) campi obbligatori
autore (*) :
indirizzo email :
url :
 
  grassetto corsivo sottolineato inserisci link inserisci collegamento email centra elenco non ordinato elenco ordinato inserisci immagine testo quotato emoticon smile
 
commento (*) :

html code

ubb code

caratteri massimi : 1000

+
- +
-
caratteri rimanenti :
Ricordati di me :
Codice di verifica:

Per inserire il commento devi digitare le lettere e numeri riportati nell'immagine, rispettando i caratteri maiuscoli/minuscoli.
 
 
 


 Stampa questa pagina
 
 © Comuniconline.it - Web Project Graffiti 2000