Home | Site map | Contatti  
PENSIERI, PAROLE, STATI D'ANIMO.
Il nuovo libro di Claudio Maffei.
Home Page Claudio Maffei Comuniconline.it Staicomevuoi.it
  Sei in: Home

Relazioni Virtuose


CATEGORIE
 
Generale [ 331 ]


ULTIMI BLOG
 
 




yyARCHIVIO BLOG
 
Archivio completo
 


CERCA
 


ULTIMI COMMENTI
 
Un commento lucido
di : claudio maffei
Un commento lucido
di : Davide De Fabritiis
Diverso da chi
di : iris
Bella la vita!
di : Iris


7 Ott 2007
Versione stampabile  | 
Quale Impresa?
Sono stato relatore a una tavola rotonda, organizzata da Qualeimpresa, nell’ambito del convegno dei giovani imprenditori (Confindustria) svoltosi a Capri il 5 e 6 ottobre.
Lì, con la mia consueta e intempestiva irruenza, unita ad assai poco fair-play (e sì che da trent’anni insegno la comunicazione!) ho criticato, in modo un po’ provocatorio, due frasi del presidente Matteo Colaninno che riporto testualmente.
“Siamo profondamente convinti che le istituzioni contino più degli uomini”.
“Diciamo no all’antipolitica, dei predicatori, dei comici, delle veline”.
Vorrei in questo spazio riassumere il mio intervento e le ragioni che mi hanno portato ad assumere queste posizioni.
La prima dichiarazione mi fa una certa impressione. Sono infatti certo che nulla, ripeto nulla, sia più importante degli uomini. Non solo le istituzioni (perché non ricominciamo a insegnare ai bambini che lo stato siamo noi?) ma neppure le imprese. Dico questo perché a volte, in certi ambienti, sento aleggiare questa idea dell’impresa sopra a tutto.
Invece, tramontato l'entusiastico yuppismo e crollati i miti della società dell'immagine, oggi ci ritroviamo in un momento molto delicato, nel quale appare fortissima ed impellente la ricerca del nuovo collegata con il recupero di valori forti: l'onestà, la verità, la solidarietà. Questa tendenza ci impone la necessità di tornare ad umanizzare i ruoli nel mondo del lavoro e in tutti gli aspetti della nostra vita: l'uomo, quindi, come centro del sistema.
Non e' certo un'idea nuova, ma rimane un concetto forte che oggi può aiutarci a superare l'attuale crisi di valori individuali e di ideologie collettive.
L'apparato non può essere sopra a tutto e prima di tutto, perchè ciò costituisce solo una spersonalizzazione, uno stratagemma ideato per sfumare i ruoli, favorire le coperture e rendere difficile l'attribuzione delle responsabilità.
I mali che ha prodotto questo sistema sono purtroppo ben visibili davanti agli occhi di tutti! A questo punto appare chiaro che stiamo entrando in una nuova fase che da molti e' già stata definita "nuovo umanesimo".
Protagonista assoluto torna ad essere l'uomo, inteso come individuo, che ha veramente qualcosa da dire e un ruolo da giocare. La persona, in sintesi, che grazie alle sue qualità riesce a meritarsi la fiducia ed il rispetto degli altri.
Sei mesi fa Matteo Colaninno era certamente d’accordo con me perché a queste tesi è stato dedicato l’incontro di Santa Margherita. Ma oggi cos’è cambiato?
Seconda affermazione. Non sono certo qui a difendere Beppe Grillo che sa difendersi molto bene anche da sé. Però un fenomeno del quale i media parlano ormai da un mese non si può relegare tra nani e ballerine. L’effetto Grillo si sta facendo sentire nel paese da quel 8 settembre in cui dalla piazza virtuale si è passati alle piazze reali, quando a internet si sono affiancati la televisione e i giornali nazionali. Da allora non si parla d’altro.
La tavola rotonda alla quale ho partecipato si chiamava Be connected e non ha certo raccolto il grande pubblico del giorno successivo, quando è sfilata “la casta”.
Questo mi fa fare un ultima riflessione. E’ possibile che al convegno dei giovani imprenditori i volti dei soliti noti continuino a fare più audience di un momento di formazione autentica sugli scenari futuri delle imprese e delle persone?

 
Generale
postato da  Claudio Maffei alle  14:49 | commenti presenti [0]


COMMENTO BLOG


AGGIUNGI COMMENTO
(*) campi obbligatori
autore (*) :
indirizzo email :
url :
 
  grassetto corsivo sottolineato inserisci link inserisci collegamento email centra elenco non ordinato elenco ordinato inserisci immagine testo quotato emoticon smile
 
commento (*) :

html code

ubb code

caratteri massimi : 1000

+
- +
-
caratteri rimanenti :
Ricordati di me :
Codice di verifica:

Per inserire il commento devi digitare le lettere e numeri riportati nell'immagine, rispettando i caratteri maiuscoli/minuscoli.
 
 
 


 Stampa questa pagina
 
 © Comuniconline.it - Web Project Graffiti 2000